I 10 paesi peggiori per essere blogger

Scritto da Massimiliano Puccio • Mercoledì, 3 giugno 2009 • Categoria: News




Da quello che emerge dal rapporto recentemente pubblicato dalla Commissione per la Protezione dei Giornalisti (CPJ), la Birmania ha il triste primato di paese al mondo con la politica più repressiva nei confronti dei blogger.

I blogger sono attualmente considerati all'avanguardia nella rivoluzione dell'informazione. Nel 2008 il numero dei giornalisti online (blogger compresi) detenuti ha superato quello dei reporter della televisione e della carta stampata.

Per mettere a punto la classifica dei peggiori paesi CPJ ha preso in considerazione diversi criteri: innanzitutto se i blogger vengono incarcerati, subiscono minacce o attacchi; se sono vittime di auto-censura; se vengono "disconnessi" dalla rete e non possono navigare in modalità anonima; se c'è un monitoraggio delle attività degli utenti online.

Translate to en


Dopo la Birmania, nella classifica seguono:

2) Iran

3) Siria

4) Cuba

5) Arabia Saudita

6) Vietnam

7) Tunisia

8) Cina

9) Turkmenistan

10) Egitto

Al di la di alcuni deterrenti tecnologici utilizzati dai governi per limitare, filtrare o regolamentare all'accesso ad alcuni siti ostili, il carcere rimane purtroppo il mezzo coercitivo principe per limitare la libertà di espressione e per intimidire tutta la comunità online.


Fonte: [CPJ.org]
3739 hits
Tags: , ,
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

0 Trackbacks

  1. Nessun Trackbacks

1 Commenti

Mostra commenti (Cronologicamente | Per argomento)
  1. a BEH, vedo che nella classifica c'è anche Cuba, posizionata bene! Hai mai sentito parlare di Yoani Sanchez? Il mondo internet per Cuba è un mondo a parte, peccato chel' eco non è recepito dal governo cubano, come rinnovamento, anzi!
    Ciao, interessante post!
  2. Si, Francesca ho sentito parlare di Yoani Sanchez leggendo il rapporto. Sfortunatamente a Cuba c'è ancora tanta strada da fare sul versante della libertà di stampa!!!

Aggiungi Commento


Enclosing asterisks marks text as bold (*word*), underscore are made via _word_.
Standard emoticons like :-) and ;-) are converted to images.
E-Mail addresses will not be displayed and will only be used for E-Mail notifications.