Quando il GPS fa disastri!

Scritto da Massimiliano Puccio • Sabato, 12 ottobre 2013 • Categoria: Curiosità




Il navigatore è un prezioso strumento tecnologico di cui ormai non si può fare più fare a meno. Ma come ogni altra tecnologia non è infallibile e va utilizzato con cautela.

Il problema più frequente è il cattivo settaggio del dispositivo specie quando è settato sul percorso più breve. Breve è sinonimo spesso di "pericoloso"!

Ne sanno qualcosa i conducenti che hanno utilizzato le strade interne di campagna consigliate dal navigatore che ha causa delle avverse condizioni meteo sono diventati dei veri e propri pantani bloccando intere famiglie in macchina.

Translate to en


Vediamo una carrellata di storie realmente accadute che hanno visto sfortunati guidatori vittime delle bizze del proprio navigatore satellitare.


Date un occhiata a quello che è successo al povero guidatore del van bianco che è stato condotto dal navigatore in un impervia stradina di montagna a strapiombo su una scarpata. Il malcapitato rimastro letteralmente incastrato a Bergun (Svizzera) è stato recuperato con l'ausilio di un elicottero (Ecco qui la storia).


Non è andata meglio a questi studenti nipponici rimasti impantanati sulle coste australiane vicino all'isola di North Stradbroke. Il navigatore GPS si è dimenticato di mensionare che tra la costa e l'isola esistevamo ben 15 Km di acqua e fango. (Ecco qui la storia).


A qualcuno è andata ancora peggio come Gregorio Schiavone che trovato la morte dopo aver seguito le indicazioni sbagliate di un navigatore satellitare non aggiornato. L'uomo ha infatti imboccato una strada riservata ai soli mezzi di cantiere indicata dal navigatore e trovando le semibarre di una passaggio a livello abbassate avrebbe deciso di oltrepassarle a 'slalom' trovando la morte. (Ecco qui la storia)


Momenti di panico
anche per una una famiglia di Bologna rimasta bloccata nel fiume Feltrino, a Frisa (Chieti), nell'impervia località Vallone, per un errore del navigatore con il quale era stata digitata, alla partenza (nella vicina Castel Frentano), la destinazione "casello autostradale A-14". L'auto si è attestata tra un dirupo e il letto del fiume con 4 persone a bordo tra cui una donna in cinta. (Ecco qui la storia). Foto: repertorio.


Una situazione paradossale è accaduta a Milano, dove un guidatore si è fidato così tanto delle indicazioni del proprio navigatore, non conoscendo la città, da ritrovarsi bloccato sulle rotaie del tram. Caos, traffico bloccato per 20 minuti, imbarazzo dell’uomo che si fidava ciecamente del proprio GPS. (Ecco qui la storia)


Un'altra incredibile storia è accaduta nel Massachusetts (USA) dove una donna con la sua Buick ha dato così tanto credito al proprio navigatore satellitare da finire all'interno di un bunker, il banco di sabbia che costituisce un ostacolo nel campo da golf. (Ecco qui la storia)
3528 hits
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

0 Trackbacks

  1. Nessun Trackbacks

1 Commenti

Mostra commenti (Cronologicamente | Per argomento)
  1. Leggendo il titolo, mi son fatto due risate, certo che ridevo meno quando il mio TomTom ci ha portato con la nostra fiat Multipla in strade incredibili, una in Toscana che era talmente ripida che con la marcia in prima a benziano avevo paura di ribaltarmi, tralasciamo la Puglia...mentre a Merano me ne ha fatto imboccare una talmente stretta che nelle curve dovevo fare un paio di manovre!

Aggiungi Commento


Enclosing asterisks marks text as bold (*word*), underscore are made via _word_.
Standard emoticons like :-) and ;-) are converted to images.
E-Mail addresses will not be displayed and will only be used for E-Mail notifications.